La Scuola OnLine

login



Statistiche

Edificio_st

La storia recente di Lusia è contrassegnata dal bombardamento che il paese subì durante la Seconda guerra Mondiale, il 20 Aprile 1945, e che la distrusse quasi completamente. Delle costruzioni precedenti non rimase quasi nulla e il centro abitato fu completamente ricostruito non più a ridosso dell'argine dell'Adige ma a circa trecento metri di distanza.

L'edificio della Scuola Primaria, intitolata al comandante partigiano O. R. Pighin, venne costruito negli anni '50, quando sorsero anche il nuovo Municipio, la nuova sede dell'ufficio Postale e gli altri servizi quasi tutti intorno alla nuova piazza.

Anche quest'anno il Comune di Lusia ha voluto commemorare l'evento, molto sentito dai cittadini, soprattutto quegli anziani che lo hanno vissuto personalmente. In particolare nella mattina del 20 Aprile sono state coinvolte anche le Scuole nella partecipazione ad una breve ma significativa cerimonia.

Per l'occasione l'insegnante Sonia Gradani della nostra Scuola ha composto le poesie qui sotto riportate, due opere per le quali come lingua ha scelto il nostro dialetto:

 


La forza de la rason

Jera el 20

de un tiepido aprile

e za el sole scaldava l’aria

…s’ciapi de jaonzhej

zhercava brusaòci

su le banche…

…marisandole sbrisolone

se corea drio

su e zo

pa’ i muri sfogonà

de la cesa

de un paesetto su l’Adese…

‘na vita poareta

fata de gnente

solo del senplice

vivare de la zente.

Quando dal zhielo

un nugolo de oselazhi neri

de fero

e un bacan… scuro

distante…

e dopo sempre più vizin

“I la ga co’ ti Lusia

i la ga co’ ti paesin!”

E in te un gesumaria

un vissinelo

secià de piova scura … pesante

‘na ramerà de cupi

de scaie de muri, de tole, de viri…

e anca de zente!

E subito fogo

e fumo tanto

e omani ca scapa

e putini imatunii

e veci ca zhiga

e mare ca se picia desperà

e uchei de dolore

e su tuto ‘na gran disperazion

che non trova rason

se non quela de convinzare

le nove generazion

che gnente se risolve con le bonbe

ma co’ la forza

che solo el vero omo ga:

quela de la rason!


Sonia Gradani

Scapa, Adese…


Scapa, scapa Adese

e porta via…


porta via i tanti cuori de piera

de chi ca vole la guera


porta via l’odio ca nasse

anca in tenpo de pace!


Fane scoprire

passejando par le to rive

el miracolo de la natura

che non la se cura

de la nostra nathionalità

del colore de la pele

de’l stato de le scarsee

ma che la ne ciama

a la senplicità

a na giusta complicità

con la felicità

che la ghe fa l’oceto

a l’oseleto sconto sul sambugaro

al bisseto ca sbrissa sul bagolaro

alla pioppa ca se specia sul bojo de la Ferriana*

a la cana ca s’inchina

ai fiori ca ne inprofuma.


Portane Adese

pace e tranquillità!

Parchè Lusia la ga za pagà

la ga za regalà i so’ fiori più bei

all’odio fra fradej

e ora stufa la vole pace e amore

in ogni fameja e in ogni cuore!


Sonia Gradani

bojo de la Ferriana: piccola sorgiva ed oasi naturalistica del WWF

Italian - Italy

Questo sito utilizza i Cookie per gestire autenticazione, la navigazione e altre funzionalità. Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.       Privacy policy