La Scuola OnLine

login



Statistiche

Archivio delle attività svolte in anni precedenti...


 

Anno scolastico 2015/16
orientamento - Orientamento scolastico per le classi terze della secondaria di primo grado
giocmatem Martedì 17 novembre 2015, gli alunni della scuola sec. di primo grado, hanno effettuato la prova dei "GIOCHI D'AUTUNNO DI MATEMATICA", proposto dalla Pristem (Università Bocconi di Milano).
Risultano iscritti ai Giochi:
- 25 alunni delle classi prime
- 24 alunni delle classi seconde
- 24 alunni delle classi terze.
I "fogli risposta" saranno inviati alla Pristem, che comunicherà i nomi dei primi tre classificati della categoria C1 (alunni di prima e seconda) e della categoria C2 (alunni di terza).
acc2 - Accoglienza alunni delle classi prime

 Attività anno scolastico 2014/'15
  • Settimana della Scienza

  • Giornata della memoria 2015

  • Open day 2015

  • Progetta un Logo per la Continutà

  • Giochi delle Scienze Sperimentali

  • Visita all'EXPO 2015

  • Visita a Marzabotto

  
Visita a Marzabotto

 

marzabotto1 FILEminimizermarzabotto2 FILEminimizer

Gli alunni in viaggio fra storia e presente

Il giorno 9 aprile 2015 alcuni alunni delle classi terze della scuola secondaria di I° grado “A. Mario” hanno avuto la possibilità di partecipare ad un viaggio d’istruzione organizzato dal Comune e dall’A.N.P.I. di Lendinara a Marzabotto e a Carpi. Gli alunni sono stati scelti dai diversi consigli di classe in base alle loro valutazioni relative alle discipline e al comportamento nel I° quadrimestre.

Il programma prevedeva la visita al Parco Storico di Monte Sole, in particolare all’area coinvolta nell’eccidio di Monte Sole del 1944, e al Museo Monumento al Deportato di Carpi.

La giornata è stata intensa ed emozionante. Infatti in questo percorso ci hanno accompagnato due testimoni, una signora ottantenne, che vive attualmente a Marzabotto, e il dott. Conti, di Lendinara. Entrambi, all’epoca dei fatti, erano bambini e hanno vissuto personalmente gli avvenimenti terribili avvenuti nel settembre del ’44, in cui persero la vita vittime innocenti, in particolare anziani, donne e bambini.

Prima abbiamo visitato a Marzabotto il Sacrario e poi a Monte Sole il cimitero e la chiesa di Casaglia. Per noi questo ha significato ripercorrere un vero e proprio Memoriale attraverso alcuni dei luoghi nei quali furono compiute le stragi (San Martino di Caprara, Caprara, Casaglia).

Nel pomeriggio ci siamo recati al Museo Monumento al Deportato di Carpi: una struttura unica, ospitata in un’area del Palazzo dei Pio, nel cuore della città.

La visita si è svolta attraverso 13 sale dove alcuni elementi grafici creano un’atmosfera di grande impatto emotivo. Tutte le sale hanno incise sulle pareti delle frasi scelte dalle “Lettere dei condannati a morte della Resistenza europea”. Forse la sala più coinvolgente è stata l’ultima, dove sono incisi sulle pareti e sulle volte i nomi di circa 15.000 italiani deportati nei lager.

Per noi è stato un viaggio nella storia recente; insieme ai nostri compagni abbiamo vissuto l’emozione, la commozione, il coinvolgimento emotivo ripercorrendo e rivivendo in modo attivo la paura, l’orrore, la tragedia vissuta pochi anni fa da giovani che avevano in quegli anni la nostra età. È stata un’opportunità che siamo stati felici di poter vivere.

Valentina Barella, Agnese Caleffi, Matteo Campesan, Gemma De Scisciolo, Lea Franco, Gianmaria Raule 3^D

 

  Visita all'EXPO 2015
  EXPO                 albero-della-vita-supertrees-638x425
 

In data 12/05/15 noi ragazzi delle classi seconde della scuola secondaria di I° A.Mario di Lendinara abbiamo partecipato ad una visita didattica all’ Expo 2015 di Milano accompagnati da alcuni docenti e da autorità di Lendinara tra cui il Sindaco Luigi Viaro.

Appena entrati, a darci il benvenuto è stato lo stupefacente albero della vita, con la sua grande chioma che svetta fino a 37 metri di altezza, sorretta da un complesso ed elegante intreccio di legno e acciaio, una vera esplosione di colori. La grande struttura si erge al centro di “Lake Arena”, specchio d’acqua su cui si affacciano ampie gradinate, il maggiore spazio all’aperto di tutta l’area; la musica e lo spettacolo acquatico hanno completato questo quadro suggestivo che offre simbolicamente, i semi e i frutti dell'Italia al mondo intero.

Dopo la pausa pranzo, abbiamo visitato i padiglioni internazionali, vere e proprie opere architettoniche. Il primo è stato quello della Francia, poi quello della Cina, della Corea, dell’ Argentina, del Marocco, ma quello senza dubbio più caratteristico è stato quello dell’Italia, composto dal Palazzo Italia e da altri 4 edifici per un totale di 14.000 metri quadrati dedicato alla ricchezza geografica, storica, culturale e artistica del nostro Paese. Esso rappresenta i temi di Expo 2015, mettendo in mostra le eccellenze legate al cibo e all’alimentazione, caratterizzate dall’alta qualità delle materie prime e dei prodotti finali.

Davvero golosa è stata la pausa gelato alla Casa dell’Algida, e per ultima, ma non meno importante, la visita al Padiglione Zero. Quest’ultimo voleva proporre ai visitatori una sorta di racconto, un percorso emozionante che parte dalla memoria dell’umanità, passa attraverso i suoi simboli e le sue mitologie, percorre le varie fasi dell’evoluzione del suo rapporto con la Natura– dall’azione di addomesticare il mondo animale e vegetale all’invenzione degli strumenti della lavorazione e della conservazione – e arriva fino alle forti contraddizioni dell’alimentazione contemporanea.

Questo viaggio d’istruzione è stato per noi studenti un’esperienza molto significativa che ci ha invitati a riflettere su quello che è appunto il tema centrale di Expo Milano 2015, ovvero la nutrizione mondiale ma anche le contraddizioni del nostro mondo: se da una parte infatti c’è ancora chi soffre la fame, dall’altra c’è chi muore per disturbi di salute legati ad un’alimentazione scorretta e iper calorica. Abbiamo visto come tutti i Paesi del mondo siano in gradi di dare il meglio delle proprie tecnologie per offire una risposta concreta a un’esigenza vitale: riuscire a garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti i popoli, nel rispetto del Pianeta e dei suoi equilibri.

  
Giochi delle Scienze Sperimentali

 


Anche quest’anno scolastico 2014/15 la Scuola Secondaria di Primo Grado di Lendinara ha partecipato ai Giochi delle Scienze Sperimentali indetto dall’ANISN, l'Associazione Nazionale Insegnanti Scienze Naturali, con il patrocinio del MIUR - Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l'Autonomia Scolastica.

I giochi sono rivolti esclusivamente agli alunni delle classi terze. L'iniziativa rientra in una più ampia progettualità volta ad incrementare la cultura scientifica nei giovani studenti, in seguito allo sviluppo di una didattica aggiornata e competente prefiggendosi di riconoscere e valorizzare le eccellenze presenti nelle Scuole Secondarie di Primo Grado.

La Scuola Secondaria di Primo Grado di Lendinara, ha aderito all'iniziativa per la seconda volta individuando, attraverso i docenti di Scienze matematiche, un gruppo di studenti meritevoli scelti tra le quattro sezioni presenti.

Il 10 Marzo 2015, alle ore 11.00, i "giovani scienziati" hanno affrontato, con un senso di maturità, responsabilità e un pizzico di orgoglio la prova d'Istituto, predisposta dall'ANISN e inviata alla scuola poco prima del giorno della somministrazione.

La Scuola Secondaria di Primo Grado di Lendinara si è distinta, anche quest'anno, con due suoi alunni:

Ghirotto Mirko della classe IIIB e Campesan Matteo della classe III D.

Questi si sono qualificati per la Fase Regionale che si è svolta il 26 Marzo 2015, alle ore 11.00, presso il Museo di Storia Naturale di Venezia. Sono stati accompagnati dalla Prof.ssa di scienze matematiche Tasso Sabrina.

Tutta la scuola si complimenta con loro per il traguardo raggiunto.

Un riconoscimento anche a tutti gli altri studenti che si sono impegnati nella competizione.

 


Progetta un Logo per la Continutà

 

 CONCORSO INTERNO CLASSI SECONDE

PROGETTA UN LOGO PER LA CONTINUITA’

Scuola Secondaria di Primo grado “A.Mario” di Lendinara

Nei mesi di dicembre 2014 e gennaio 2015 si è svolto un concorso interno alla Scuola Secondaria di Primo grado “A. Mario” che ha coinvolto tutti i ragazzi delle classi seconde dell’Istituto.

Tema del concorso grafico era la progettazione di un LOGO che rappresentasse il “Progetto continuità” per l’accoglienza dei ragazzi della primaria nel nostro Istituto.I ragazzi hanno lavorato con entusiasmo producendo molte idee interessanti.

Una commissione formata dagli insegnanti di Arte e Immagine, Claudia Baesso e Roberto Navarrini, e di Lettere responsabili per il progetto Continuità, Enrica Destro e Chiara Nezzo, ha selezionato i progetti finalisti in base ai seguenti criteri: aderenza al tema, efficacia del messaggio, elaborazione personale, padronanza delle tecniche proposte.

Qui di seguito è possibilescaricare un documeto con immagini e attività dettagliata. -> Link scarica pdf

 

  Open day 2015
 LOCANDINA OPEN DAY

 

 

 Giornata della memoria 2015

 

 manifesto perlasca 2015redux

In occasione della Giornata della Memoria L’Istituto comprensivo di Lendinara, grazie al contributo delle Amministrazioni Comunali di Lendinara e Lusia, ha organizzato un incontro con gli alunni delle classi terze dell’Istituto con Franco Perlasca, Presidente della Fondazione Giorgio Perlasca il giorno 10 gennaio 2015.

Il figlio Franco ha incontrato i ragazzi per far conoscere il testamento spirituale del padre e ha raccontato la storia di chi ha messo al primo posto il valore della vita umana, a costo di rischiare la propria.

“Io non pensavo ai pericoli, andavo dritto per la mia strada” racconta Giorgio Perlasca nel servizio di Piero Angela “La Storia maestra di vita” proiettato come introduzione all’intervento di Franco Perlasca.

Franco Perlasca ha raccontato che il padre, fingendosi ambasciatore spagnolo, ha salvato oltre cinque mila  vite umane ungheresi dai lager nazisti.

I ragazzi hanno partecipato con notevole interesse all’incontro e, al termine dell’intervento di Franco Perlasca, gli hanno posto delle domande interessanti che hanno dimostrato la loro preparazione e la loro maturità.

Appesi al muro del teatro Mignon tre cartelloni mostravano i bozzetti prodotti dalla classe terza D in preparazione della locandina

 

 Settimana della Scienza

 

Alla scuola secondaria di primo grado A.Mario dal 15 al 20 Dicembre si svolgerà “ la settimana della scienza”.

Grazie all’iniziativa Attivamente, promossa dalla fondazione CARIPARO, tutte le classi sono state selezionate per partecipare a dei laboratori scientifici: temperatura e calore, eppur si muove, vulcani e terremoti, saranno i temi affrontati dagli alunni con un esperto in classe.

La scelta dei laboratori continua la tradizione, presente da qualche anno all’Alberto Mario, di attuare una didattica laboratoriale nell’insegnamento delle scienze. Quindi…. Buona settimana della scienza a tutti!

 Attivamente

 

 Attività anno scolastico 2013/14

Teatro in lingua francese

Teatro francese be

Come è consuetudine della Scuola Secondaria di Primo Grado “Alberto Mario” di Lendinara anche in questo anno scolastico 2013/14 gli insegnanti di lingua francese e i loro colleghi vorrebbero offrire l’opportunità agli alunni delle classi terze di partecipare alla rappresentazione teatrale in lingua francese proposta dal teatro Smile di Modena.

Titolo della pièce in scena questo anno scolastico è: LA BELLE ÉPOQUE

L’ambientazione “fin de siècle”, con tanti personaggi famosi, caratterizza questa divertente e interessante commedia, ricca di costumi, musiche e balli del periodo.

Il quartiere di Montmarttre, con i suoi personaggi e la tipica vita parigina di fine ‘800, fa da sfondo alla storia di due gemelli alquanto diversi.

Oltre all’accurato materiale didattico composto da un libricino per ogni studente con il testo della commedia e schede di lavoro e da un CD con le canzoni, il débat in francese che seguirà la rappresentazione e il CD che verrà consegnato agli insegnanti sono un ulteriore strumento per l’approfondimento della lingua straniera.

Tecnica: teatro d’attore e musica – con tre attori francesi

Durata: 60 min. + 30 minuti di débat con gli attori

Gli alunni vengono adeguatamente preparati a partecipare allo spettacolo, la rappresentazione è inclusa nella programmazione didattica e diversi ragazzi la inseriscono nel colloquio a carattere pluridisciplinare dell’esame di stato.

Incontri AVIS

Presso la Scuola Secondaria di Primo Grado "A. Mario" di Lendinara nel mese di Aprile si sono effettuati degli incontri tra gli alunni delle classi seconde con il gruppo Avis locale come attività di approfondimento e supporto al programma di scienze.

L'Avis Comunale "Gino Favaro" continua sempre negli anni la promozione del dono e del volontariato nelle scuole primarie e secondarie affinché fin da piccoli i nostri figli crescano solidali, altruisti e generosi verso il prossimo bisognoso.

Un ringraziamento va alla Dirigente Prof.ssa Anna Maria Pastorelli che ci dà ogni anno la possibilità di poter parlare e sensibilizzare della nostra associazione, al Prof. Piccolo Giancarlo che ne coordina gli incontri per la Scuola Media e a Lei che ci dà questa ulteriore visibilità.

     Avis2014 FILEminimizer                Logo AVIS mani FILEminimizer

- Torna ad inizio pagina

Giochi delle scienze sperimentali alla scuola Alberto Mario

Logo Giochi Scienze Sperimentali M

L’associazione nazionale insegnanti di scienze (ANISN), con il patrocinio del MIUR, ha organizzato la quarta edizione dei Giochi delle scienze sperimentali per gli studenti della scuola secondaria di primo grado.

I giochi si sono svolti in due fasi: la prima all’interno dell’istituto, la seconda presso il museo della storia naturale di Venezia. L’11 Marzo, 19 alunni di Lendinara e 6 di Lusia hanno affrontato, in 50 minuti, i quesiti scientifici predisposti dall’ANISN. Due studenti si sono particolarmente distinti: Daniel Garbo della 3°A e Enrico Bertaglia della 3°E. Il punteggio ottenuto nella prova presso l’istituto ha permesso a Daniel ed Enrico di accedere alla fase regionale il 27 Marzo, insieme ad altri 68 alunni provenienti da varie scuole del Veneto. La prova scritta, con domande aperte e a risposta multipla e della durata di 70 minuti,   ha avuto la funzione di accertare la capacità di analizzare, interpretare e selezionare informazioni, nonché utilizzare procedure e strumenti logico- matematici per individuare le soluzioni corrette.

I giochi delle scienze prevedono anche una fase nazionale, questa volta sperimentale, a cui accederanno i primi classificati. A noi non resta che dire: in bocca al lupo Daniel e Enrico!

 - Torna ad inizio pagina

 “A SCUOLA DI GUGGENHEIM”

 

Il 7, 10 e 19 marzo le classi seconde della Scuola Secondaria di Lendinara e Lusia hanno partecipato alla visita di istruzione a Venezia all’interno del progetto in collaborazione con la Collezione Peggy Guggenheim.

Il progetto formativo “ARTE e NATURA” è finalizzato alla collaborazione tra insegnanti dell’ambito scientifico e quelli dell’ambito dei linguaggi per avviare i ragazzi del secondo anno alla comprensione degli aspetti interdisciplinari e alla complessità dei punti di vista.

Dopo aver svolto la prima fase del lavoro in classe, i ragazzi ed i loro insegnanti hanno proseguito l’esperienza con la visita alla collezione avviandosi così alla comprensione dell’arte contemporanea.

Hanno partecipato:

classi 2A, 2B, 2C di Lendinara con il progetto Il cibo si trasforma. Viaggio nel corpo e nella mente” con gli insegnanti Baesso Claudia, Bernardinello Davide, Furini Jenny, Lazzarin Lorena, Zebini Cristiano;

classi 2D di Lendinara, 2A e 2B di Lusia con il progetto “Occhio al paesaggio!” con gli insegnanti Navarrini Roberto, Nalin Onilio,Tasso Sabrina.

La visita al museo è stata anche l’occasione per conoscere meglio Venezia nelle parti meno conosciute con una sosta al Ghetto di Venezia (il Ghetto più antico d’Europa) e quelle più famose come Piazza San Marco.

Eccoci nel Campo del Ghetto Nuovo con i rilievi che ricordanole deportazioni degli ebrei.

Siamo arrivati anche fino alla Punta della Dogana da cui abbiamo goduto di una splendida vista sul Bacino di San Marco.

E infine eccoci alla Collezione Guggenheim nel palazzo Venier dei Leoniche era l’abitazione venezianadi Peggy Guggenheim, per apprezzare dal vivo le opere di Calder, Picasso, Magritte accompagnati dalle nostre guide.

Adesso dobbiamo concludere il nostro percorso a scuola producendo elaborati personali che mettano in campo le conoscenze e le abilità acquisite.

Chi volesse vedere le esperienze concluse dai compagni dello scorso anno sul tema “ARTE e LETTERATURA” e le esperienze svolte da altre scuole può collegarsi al seguente link:

http://www.ascuoladiguggenheim.it/work_list.php

si sceglie poi “progetti realizzati” “anno scolastico” e “Scuola Media”

 - Torna ad inizio pagina

 Giornata della Memoria e del Ricordo

invito giornatadellamemoria paolo FILEminimizer

 

Il giorno 10 febbraio 2014 presso l'aula magna della scuola secondaria di primo grado Alberto Mario di Lendinara si è tenuto l'incontro delle classi terze con i Signori Anna Rosa Nannetti sopravvissuta e autrice di due volumi che trattano dell'eccidio “I bambini del '44” e “dal buio, la luce”; Gian Luca Luccarini Presidente dell'Associazione dei familiari delle vittime dell'eccidio di Marzabotto e Luciano Conti sopravvissuto e testimone oculare dell'eccidio.

Il professore Piccolo Giancarlo, a nome della Dirigente Scolastica, ha accolto e ringraziato i Signori convenuti e ha motivato i ragazzi affermando che questa iniziativa serve a far riflettere sull'importanza dell'accettare le persone senza mai tollerare alcun atto di discriminazione e razzismo e che ricordare è un dovere morale affinché gli errori del passato siano un monito per il presente e per il futuro.

Due alunni hanno introdotto l'incontro declamando due citazioni di Primo Levi:

“Necessario conoscere, ciò che è accaduto può ritornare” e “se comprendere è impossibile, conoscere è necessario”.

Un alunno della classe terza E ha presentato un lavoro personale su power point per illustrare ai compagni il significato della Giornata della Memoria e della Giornata del Ricordo.

E' quindi intervenuta Anna Rosa Nannetti raccontando che era una bimba di 14 mesi quando i nazifascisti sterminarono gli abitanti di Grizzana, Marzabotto, Monzumo e comuni limitrofi. La Signora Anna Rosa, con momenti di grande commozione da parte di tutti, ha ripercorso i momenti della storia vissuta in prima persona, dall'arrivo dei nazifascisti a quello degli alleati, fino al dopoguerra e alla ripresa della vita dopo una simile tragedia.

Il signor Luccarini ha ricordato la tragedia che ha duramente investito la sua famiglia e ha manifestato il suo impegno a non dimenticare e di trasmettere per il futuro la conoscenza di quella tragedia umana per la convivenza civile tra uomini, donne e bambini.

Il signor Luciano Conti, Lendinarese da lungo tempo, ha vissuto in prima persona gli orrori della strage e ha contribuito in maniera decisiva alla riuscita di questo incontro.

I ragazzi, preparati dai docenti , hanno saputo intervenire con domande e richieste di chiarimenti in modo spontaneo ma appropriato e hanno preso l'impegno di far pervenire ai relatori le loro riflessioni.

- Torna ad inizio pagina

 

 



Attività anno scolastico 2012/13

SOR.PRENDO

Quest’anno l’Istituto Comprensivo di Lendinara è stato sorteggiato per utilizzare il software SOR.PRENDO all’interno dell’attività di Orientamento per la scuola Secondaria di primo grado.

SOR.PRENDO è una banca dati sulle professioni, con schede dettagliate su 438 profili professionali, un software per l’orientamento, che abbina gli aspetti caratteristici di singoli profili professionali con gli interessi di ogni utente. Per questo motivo l’utilizzo del software è parso sin dall’inizio utile per  promuovere e ampliare la conoscenza delle professioni, individuare in tempo reale una lista di profili coerenti con i propri interessi, riflettere sulle proprie aspettative rispetto alla futura professione.

In particolare, per ciò che riguarda la Scuola Secondaria di primo Grado “A.Mario”di Lendinara si sono pensate le seguenti modalità di integrazione del software SOR.PRENDO nelle azioni di orientamento già programmate dalla scuola. Sono state coinvolte in una prima fase tutte le classi seconde, coordinate dalle docenti di storia, geografia e italiano. Prima di utilizzare il software è stato somministrato un breve questionario a ciascuno studente con lo scopo di obbligare l’alunno a riflettere sui suoi desideri, su ciò che pensa di saper fare bene e che gli piacerebbe svolgere come mestiere. Di seguito si riportano le domande:

 

  1. Quale professione pensi di poter fare?
  2. Quali aspetti del mestiere che hai indicato ti piacciono?
  3. Che cosa ti attira maggiormente in questa professione?
  4. Secondo te quali caratteristiche e inclinazioni occorre avere per svolgere questa professione?

 

C’è da notare come non tutti siano stati in grado di dare delle precise risposte ed, anzi, alcuni , abbiano veramente avuto difficoltà sentendosi completamente disorientati.

In una seconda fase ciascun gruppo classe della II B, II C e II D ha visionato tramite il software le professioni emerse dal questionario, soffermandosi soprattutto su abilità, conoscenze, percorso scolastico che ciascuna professione comporta. A questa fase gli alunni hanno partecipato con interesse, scoprendo aspetti positivi e negativi di ciascun mestiere, accorgendosi che non sempre quello che loro immaginavano corrispondeva alla realtà effettiva, rendendosi conto di quanto attualmente il mercato del lavoro richieda una formazione, una professionalità piuttosto che un’altra..

In un terzo momento agli alunni è stato chiesto di rispondere a un secondo questionario per verificare se le proprie aspettative erano state confermate anche dalle informazioni ricavate da SOR.PRENDO.

QUESTIONARIO 2.

DOPO AVER AVUTO INFORMAZIONI SULLA PROFESSIONE CHE VORRESTI FARE, RISPONDI ALLE SEGUENTI DOMANDE:

  1. Ci sono delle caratteristiche della professione di cui non eri a conoscenza?
  2. Ritieni di possedere le abilità necessarie per svolgere quel mestiere?quali?
  3. Il percorso formativo corrisponde a quello che pensavi di dover seguire?
  4. Pensi ancora che quello sia il mestiere che vorresti fare?
  5. Hai avuto più conferme o sono nati dei dubbi?
  6. Se nel primo questionario non eri in grado di dare alcuna preferenza, hai chiarito in quale ambito ti piacerebbe lavorare?

L’ultima fase ha coinvolto le classi II C e II D. Alcuni genitori degli alunni si sono resi disponibili a venire a scuola per presentare le proprie professioni, si sono fatti testimoni delle loro attività lavorative.

Prima della testimonianza, gli studenti hanno immaginato le caratteristiche principali della professione, con l’aiuto di  SOR.PRENDO e hanno preparato una serie di domande per intervistare i genitori e chiarire i loro dubbi, soddisfacendo le loro curiosità.

Gli incontri si sono svolti in Aula Magna il 18 e 25 maggio 2013.

Il 18 maggio hanno presentato le loro professioni un ingegnere che fa anche l’insegnante in un istituto tecnico; una pasticcera e un meccanico. Il 25 maggio sono venuti un avvocato, un architetto, un imprenditore, un impiegato Enel e una bancaria.

I ragazzi si sono mostrati molto interessati, hanno partecipato attivamente al confronto e hanno concluso che il percorso è stato molto utile e interessante.

- Torna ad inizio pagina

 

Progetto "Vado sicuro"

935266_10201357945930940_1254980872_nAnche quest’anno, grazie all’interessamento ed al lavoro della professoressa Martina Signoretto, la scuola secondaria di primo grado A. Mario, ha partecipato con entusiasmo alla decima edizione del progetto provinciale Vado Sicuro, con le classi seconde e terze dei corsi B, C e D, aggiudicandosi il primo premio.

Vado Sicuro è un progetto di educazione alle regole, quelle che codificano tutti gli ambiti della vita civile, con particolare riferimento alla sicurezza stradale e, da anni, vede migliaia di ragazzi e bambini al fianco della Provincia di Rovigo per riflettere sull’importanza di rispettare le regole e di pretenderne il rispetto. L’evento coinvolge tutta la collettività e si propone di fare da cassa di risonanza a messaggi basilari per la convivenza e per la qualità del vivere in ogni comunità.

La consapevolezza e l’assunzione di responsabilità rispetto ai comportamenti di tutti i giorni, così come quelli che teniamo sulla strada, richiedono tempo, devono penetrare nel nostro modo di vivere, di ragionare, di sentire la vita. Per questo tanti bambini e ragazzi, dalle Scuole dell’Infanzia agli Istituti Superiori, sono i principali attori di Vado Sicuro, perché è da loro che deve partire una nuova cultura della sicurezza stradale.

1016593_10201357939810787_817052786_nIl progetto di sensibilizzazione si basa sul concetto di “sicurezza partecipata”, cioè sul principio che la sicurezza non è determinata solo da restrizioni, sanzioni, controlli, seppure estremamente importanti, ma anche dalla partecipazione di tutti i cittadini, dalla condivisione dei valori, dalla volontà di tutti di essere parte attiva a favore delle regole necessarie per una convivenza civile. La Scuola è chiamata a svolgere un ruolo di primo piano nella costruzione della “Cultura della sicurezza stradale” attraverso percorsi educativi mirati. La prevenzione dei comportamenti a rischio e l’acquisizione delle regole iniziano dai primi anni della scolarizzazione e costituiscono un elemento fondamentale nei processi formativi della personalità dell’alunno. L’educazione stradale può dare un grandissimo contributo alla formazione della consapevolezza della norma come valore etico - civile, alla costruzione dell’autonomia e del senso di responsabilità, al rispetto e solidarietà come stile di vita.

Per l’evento conclusivo, il Centro Commerciale La Fattoria di Rovigo ha visto la presenza di oltre 500 ragazzi, provenienti da scuole di ogni ordine e grado della nostra provincia, accolti dall’assessore alle Politiche giovanili ed educazione stradale della Provincia di Rovigo  e dai maggiori esponenti di polizia, carabinieri e corpo dei vigili urbani.

- Torna ad inizio pagina

 

Primo soccorso

Anche quest’anno la Scuola Secondaria di primo grado “A.Mario” di Lendinara ha offerto ai propri alunni delle attività di educazione al primo soccorso. Il progetto è stato promosso in collaborazione con il personale del 118 dell'ULS 18 di Rovigo ed è stato rivolto agli alunni delle classi seconde.
Ogni classe h
a partecipato a due ore di teoria, in cui il personale esperto dell'ULS ha spiegato cosa fare nelle condizioni di criticità che si potrebbero presentare nella realtà, rendendo efficace la lezione con l'aiuto di diapositive e filmati inerenti. Successivamente sono state offerte ai ragazzi altre 2 ore dove hanno potuto provare concretamente, con l'ausilio di un manichino, alcune azioni da compiere, quali il massaggio cardiaco, la respirazione artificiale, ecc.

Nelle foto gli alunni impegnati in azioni di simulazione di primo soccorso.

20130521_08541120130521_08550720130521_085608

- Torna ad inizio pagina

 

Cronisti in classe

Anche quest’anno la Scuola Secondaria di primo grado “A.Mario” di Lendinara ha partecipato al progetto “Cronisti in classe”, proposto dal quotidiano Il Resto del Carlino.

Due sono state le classi coinvolte – la II C e la II D – coordinate dalle professoresse Quaiotti, Passarella, Mandruzzato, Nezzo. Le classi hanno ottenuto un bel risultato arrivando prime nella classifica redatta da una giuria che aveva il compito di giudicare gli articoli inviati dalle scuole partecipanti della provincia di Rovigo.

Gli alunni, a partire da febbraio, sono stati impegnati nella realizzazione di articoli che riguardavano i seguenti argomenti: “Progetto Orientamento”, “L’Open Day alla Scuola Media A.Mario”, “Una mattinata holliwoodiana con Dante Spinotti”, “Verdi, la musica è la sua parola”, “I testimoni dell’eccidio di Marzabotto”, “I passatempi dei ragazzi”, “Da ginnasio a casa per gli alluvionati: oltre un secolo di storia dell’A.Mario”, “Il teatro a scuola”, “ La Resistenza in Polesine”, “I diritti dell’infanzia violati”.cronisti

Il giorno 4 giugno 2013, nell’Aula Magna della scuola, si è svolta la cerimonia di premiazione alla presenza della dirigente scolastica, prof.ssa Anna Maria Pastorelli, della dottoressa Caterina Zanirato, delle classi e dei docenti coinvolti.

La Dirigente e la giornalista hanno sottolineato l’importanza di questo progetto, evidenziando l’entusiasmo dei ragazzi che vi hanno partecipato e auspicando la partecipazione di molte classi anche per il prossimo anno scolastico. Dopo che gli alunni hanno fatto dono alla dott.ssa Zanirato di una pergamena in ricordo dell’attività svolta, si è proceduto alla consegna del premio, consistente in una targa. Sono seguite le foto in ricordo di questa giornata.

- Torna ad inizio pagina

 

"Noi" - Giornalino dei ragazzi della classe 2ª E

PARTE 1 - PARTE 2 - PARTE 3 - PARTE 4 - PARTE 5 - PARTE 6

- Torna ad inizio pagina

 

L'orto dei nonni 1

- Torna ad inizio pagina

 

Teatro in lingua francese

 

Il 6 maggio 2013 presso l’aula magna della scuola A. Mario di Lendinara si è svolta la rappresentazione teatrale in lingua francese intitolata “Dumas”.  La  compagnia “Smile”, è formata da tre attori francesi. La trama dello spettacolo parla dello scrittore Alexandre Dumas e di alcuni personaggi dei suoi romanzi che gli suggeriscono come scrivere le loro avventure. Durante la rappresentazione, suddivisa in dodici scene, gli attori hanno coinvolto alcuni studenti nella recitazione. Una volta terminato lo spettacolo, gli attori hanno intrattenuto noi alunni con giochi, domande e attività. La compagnia, finita la rappresentazione teatrale, ha ricevuto una forte approvazione con applausi da parte del pubblico.

6 5 4

3 2 1

Teatro in lingua inglese

IMG_0359-1

Anche quest'anno la nostra scuola non ha voluto mancare all'appuntamento con il teatro in lingua inlgese.

Il giorno 2 marzo, in Aula Magna, si è tenuta la rappresentazione dell'opera teatrale Shakespeariana "Anthony and Cleopatra", messa in scena dalla compagnia teatrale inglese "Blah, blah, blah".

IMG_0358-1Gli attori sono riusciti a rendere divertente e piacevole la tragedia di Shakespeare, catturando la'ttenzione dei ragazzi che è rimasta viva fino alle battute finali e coinvolgendo alcuni alunni a partecipare alla rappresentazione stessa.

Il teatro in lingua inglese è un'ottima occasione per mettere gli studenti a contatto con la lingua viva, avvicinarli al mondo del teatro e aumentare la loro autostima, in quanto si vedono in grado di capire e interagire con gli attori madrelingua.

IMG_0360-1 IMG_0362-1 IMG_0364-1

IMG_0366-1 IMG_0369-1 IMG_0370-1

- Torna ad inizio pagina

 

Social friends

Lunedì 25 marzo si è tenuto il secondo incontro previsto nell’ambito del progetto “social friend”, rivolto alle classi seconde e terze della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto comprensivo.Nuova_immagine_3

Foto0269Nel primo incontro di novembre, don Giovanni Fasoli aveva sottolineato che internet e i social network non sono un inferno. Quando un contesto diventa un inferno? Quando in seguito a qualche errore creiamo una situazione difficile da sostenere ed “è possibile pensare che sia più facile morire”. Da qui l’invito: “posta con la testa”; perché internet non è un inferno, ma non è reversibile!

Nuova_immagine_2

Nel secondo incontro don Giovanni ha parlato degli adolescenti di oggi, come la “click-generation”: con qualche click del mouse possiamo fare del bene ma anche del male, posso dire a una persona “anche te”, accogliendola, o “tranne te” escludendola, mettendola out.

Di qui si è passati a sottolineare quanto importante sia conoscere le persone con cui si dialoga online: posso trovare un amico internet, ma non tutte le persone che trovo in internet sono amici.

Nuova_immagine_1

E solo i veri amici sanno restituirmi la vera mia immagine, aiutandomi a capire chi sono io, rendendo l amia vita trasparente nella condivisione di ideali, sentimenti ed emozioni...

 

Don Giovanni Fasoli, sacerdote e laureato in psicologia, che lavora da 20 anni con gli adolescenti ed è counsellor professionale, ha comunicato ai ragazzi con il suo solito entusiasmo e con la sua autorevolezza fondata su esperienze, raccontando ai ragazzi esempi di vita vissuti, aiutato dalla presentazione di videoclip scelti a tema.

 

bimbi

- Torna ad inizio pagina

 

 

Un campione a scuola

raito_dalfiume_zeggio

 

Paolo Dal Fiume torna a scuola, nella sua scuola di Lendinara, dove era stato alunno oltre 40 anni fa. Ovviamente questa volta è salito in cattedra per raccontare la carriera di un ragazzo che ce l’ha fatta. Uno dei pochi, partiti dal campetto della parrocchia e approdati ai campi di serie A arrivando a giocare addirittura in squadra con uno dei più grandi calciatori di tutti i tempi ovvero Diego Armando Maradona.

studenti_lendinara2

 

L’incontro con gli studenti delle seconde classi della scuola media di Lendinara è stato organizzato dall’assessorato allo sport della Provincia di Provincia nell’ambito del progetto “Un campione a scuola”, che si svolge in collaborazione con il Panathlon di Rovigo e di Adria ed ha avuto il patrocinio dell’amministrazione comunale di Lendinara. A presentare agli studenti il campione polesano è stata la dirigente scolastica Anna Maria Pastorelli. Sono quindi intervenuti l’assessore provinciale allo sport, Leonardo Raito e l’assessore Comunale Francesca Zeggio.

Zanforlin_dalfiume_zeggio

Dal Fiume in questa giornata speciale, ha avuto modo di rincontrare anche un vecchio compagno d'avventura, Fabrizio Zanforlin, oggi docente di educazione fisica ma che come lui ha calcato i campi di serie A come guardalinee proprio nel periodo in cui giocava Dal Fiume.

dalfiume_zeggio«Ho iniziato a giocare a calcio proprio qui a Lendinara, negli impianti sportivi di via Perolari, - ha detto Dal Fiume - poi un giorno all’età di 15 anni mi hanno mandato a fare un provino con una grande società di calcio, il Torino dove giocai per due stagioni. Però un giorno mi dissero che non ero più adatto per giocare con loro e mi mandarono a giocare con una squadra minore, il Conegliano. Poi però passai al Varese, squadra con cui debuttai in serie A. Poi ho giocato nel Perugia, nel Napoli e nell’Udinese, collezionando in tutto più di 400 partite nella massima serie. Ma non sono uno che ama molto raccontare il mio passato, non penso di essere un campione».

studenti_dalfiume

L'assessore Raito, che ha esordito affermando di avere conosciuto Dal Fiume facendo la raccolta di figurine durante la sua infanzia, ha ringraziato il campione polesano per la disponibilità a partecipare all'iniziativa, mettendo a disposizione la sua grande esperienza per i ragazzi delle scuole polesane.

I ragazzi si sono dimostrati molto interessati ed hanno rivolto in maniera composta numerose domande al calciatore, tra queste ovviamente quale è stata l'emozione di  giocare in squadra con Maradona: «Gli ho insegnato molte cose – ha ironizzato Dal Fiume - in realtà mi sono reso conto dopo dell’importanza di avere giocato con Maradona, solo più tardi perché mentre giocavo con lui eravamo impegnati a giocare e a vincere, poi con gli anni mi sono reso conto della grande opportunità che avevo avuto. Nel calcio di oggi, ha aggiunto Dal Fiume sempre con un pizzico di ironia - si parla tanto di schemi tattici, giocando con Maradona lo schema era uno solo, passare la palla a lui che poi avrebbe pensato a fare il resto».

dalFiume2

Dal Fiume è stato anche allenatore ed una studentessa, a questo proposito gli ha chiesto se fosse stato più bello fare il giocatore o l’allenatore: «Come giocatore ho ottenuto i maggiori successi, - ha risposto l'atleta - ma fare l’allenatore ti dà più soddisfazione perché devi impegnarti a costruire e a forgiare una squadra, però è mentalmente molto più impegnativo».

 

 

- Torna ad inizio pagina

 

ccr

Incontro con il Consiglio Comunale dei Ragazzi

Il giorno 19 dicembre 2012, presso l'Aula Magna della Scuola Secondaria di Primo grado 'A. Mario' di Lendinara, a partire dalle ore 9.00, si è tenuto l'incontro, alla presenza della Dirigente, dott.ssa Anna Maria Pastorelli e della prof.ssa Angela Guidi (responsabile del progetto “Consiglio Comunale dei Ragazzi") fra il Sindaco dei Ragazzi, Gioele Feltrin accompagnato dal suo Vicesindaco, Lisa Rossetti, e gli studenti della scuola, per far conoscere ai ragazzi frequentanti le classi prime il CCR, quali sono le sue funzioni e quelle dei consiglieri e come il Sindaco dei Ragazzi sia la figura di 'collegamento' tra il mondo giovanile e quello degli adulti.

Alle classi seconde e terze il Sindaco ed il suo Vice, oltre a rinnovare il patto con i ragazzi che li hanno votati l'anno precedente, presenteranno l'attività svolta dal CCR nel primo anno di legislatura. Chiederanno a loro anche la disponibilità a partecipare al rinnovo della Redazione del giornalino dei ragazzi 'Lendinara vista da noi', in quanto l'attuale direttore ed ex - sindaco dei ragazzi, Nicholas Schibuola, ha raggiunto il limite di età massima consentita.

Il progetto “Consiglio Comunale dei Ragazzi”, è uno dei progetti presenti nell’offerta formativa della scuola secondaria di primo grado “A. Mario” da numerosi anni e rappresenta la forma più attiva e partecipativa all’educazione alla cittadinanza svolta dai ragazzi, sostenuta da tutti gli insegnanti in modo trasversale e coadiuvata dal Dipartimento di Lettere in modo particolare.

La partecipazione, l'anno scorso, alla campagna elettorale prima,e al lavoro in Consiglio Comunale poi, hanno permesso la crescita dell'impegno civico di molti ragazzi della scuola, anche in quelli non direttamente coinvolti nel CCR, facendo in modo che le necessità, il pensiero e le richieste dei ragazzi di Lendinara arrivassero direttamente a coloro che guidano il Comune e aiutandoli a capire l'importanza di dare sempre più spazio ad una delle componenti più importanti della popolazione.

- Torna ad inizio pagina

 

INCONTRO CON l’AUTORE: EROS MIARI

1 2

Si è tenuto nella mattina del 13 novembre, presso l’ Aula Magna della scuola secondaria di primo grado “A. Mario” di Lendinara, alla presenza dell’Assessore alla Cultura Laura Negri e della Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo di Lendinara Anna Maria Pastorelli, l’incontro con  Eros Miari (scrittore modenese, divulgatore, collaboratore di biblioteche, ideatore di progetti per la promozione alla lettura, responsabile del progetto “Fuorilegge”, associazione dedicata ai ragazzi e alle loro letture, collaboratore alla redazione della rivista “Mondo Junior” della Mondadori, creatore della cooperativa “Equilibri” che si occupa sempre di libri per ragazzi e di promozione alla lettura ), il quale ha svolto due laboratori indirizzati agli alunni delle classi seconde della scuola incentrati sulla lettura ed il piacere della lettura stessa come strumento indispensabile per la crescita e lo sviluppo di libertà di pensiero e di espressione.

Tale incontro, già programmato per l’anno scolastico precedente, faceva parte dell’ottava edizione di “Libri Infiniti”, una manifestazione volta alla promozione della lettura per i ragazzi attraverso gli incontri con gli autori e resa possibile grazie all’Assessorato alla Cultura della Provincia di Rovigo e dal Sistema Bibliotecario Provinciale, sostenuti dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo in collaborazione con la Fondazione Aida e i Comuni del Polesine.

In seguito alle scosse di terremoto avvenute nel mese di maggio, che avevano ridotto gli spazi fruibili della scuola, si erano dovute rinviare e sospendere diverse attività. La forte determinazione delle professoresse Raffaella Quaiotti ed Angela Guidi nel voler concludere il percorso iniziato l’anno scorso, ha reso possibile la realizzazione dei laboratori, ai quali gli studenti hanno partecipato in modo entusiastico, ricevendone interessanti e molteplici stimoli.

Spesso si pensa che i giovani siano poco propensi alla lettura, distratti da internet e da cellulare, incapaci di soffermarsi a pensare e a comprendere le proprie emozioni e sensazioni. Ma non è così. Nella lettura di un libro trovano suggestioni, temi e spunti in cui possono facilmente riconoscere se stessi ed anche le situazioni che più li toccano da vicino. Alle volte la lettura di una particolare vicenda narrata in un libro può loro suggerire spunti per risolvere o superare, in parte o del tutto, una particolare situazione difficile. La lettura di un libro apre un mondo di scambi, di riflessioni che sfruttano anche la veicolazione digitale, che è la quotidianità dei ragazzi e che non li allontana dal libro ma ne diventa uno degli aspetti possibili. Usare questa nuova strada per avvicinare i ragazzi alla lettura è stato uno dei messaggi dei laboratori di Miari e che i ragazzi della scuola “A. Mario” hanno raccolto e faranno propri.

3

- Torna ad inizio pagina

 






Attività anno scolastico 2011/12

ACCOGLIENZA ALUNNI CLASSI V - 24 e 28 maggio

I giorni 24 e 28 maggio dalle 14.30 alle 16.30 circa presso la scuola secondaria di primo grado si è svolta l’attività di accoglienza indirizzata agli alunni frequentanti la classe V delle scuole primarie di Lendinara e di Ramodipalo.
L’attività è stata organizzata dalle professoresse Destro, Pasello e Passarella ,con la collaborazione di una ventina di studenti delle classi di II A, III D e III E della Scuola A.Mario.
Molte e diverse le proposte che sono state fatte ai nostri ospiti!
Innanzitutto i bambini, divisi in gruppi e alternativamente, hanno visitato i locali più importanti della scuola(aula informatica, aula d’arte, aula di scienze, palestra) guidati da un tutor che li accompagnava all’interno dei locali, dove li aspettavano altri ragazzi che illustravano le attività che vi si svolgevano.
Nel frattempo un secondo gruppo partecipava a un’attività giocosa e assisteva alla proiezione di un divertente filmato che contemporaneamente illustrava le possibile paure di un undicenne che si appresta a frequentare la scuola media ma anche le possibilità belle che potrà trovarvi.
Infine un terzo gruppo osservava e partecipava attivamente ad alcuni esperimenti nel laboratorio di scienze.
E come conclusione di queste due ore, gli alunni presenti, le docenti hanno vissuto un momento conviviale di festa mangiando e bevendo insieme, ascoltando musica, consegnando agli alunni un attestato di partecipazione e una matita in ricordo di questa giornata.
Si ringraziano il Comune di Lendinara per il finanziamento e il supporto economico ricevuto, le professoresse Tasso e Quaiotti e i ragazzi per la preziosa collaborazione.

La Commissione Continuità 2011-2012

Enrica Destro
Selene Passarella
Francesca Pasello

LABORATORIO TEATRALE – MUSICAL CLASSI PRIME. 7/6/2012

copertina_realityLe classi prima C e prima D hanno collaborato per l’allestimento di uno spettacolo teatrale: il musical “Reality Sciò”. La sceneggiatura è incentrata sulle vicende di un gruppo di studenti che sono tentati dal mondo dei reality, ma che, al momento di scegliere se far parte del cast, si rendono conto che la strada per comunicare il proprio talento e competenze è ben diversa.

Alla realizzazione dell’iniziativa hanno collaborato - insieme alle docenti curricolari Anna Di Donato, Luisa Mazzetto, Laura Pellegrini - Maria D. Di Donato e Cristina Dall’Aglio per le coreografie; Tiziano Fontan della Compagnia “La Tartaruga” di Lendinara per l’impianto audio.Lo spettacolo è andato in scena giovedì 7 giugno 2012 alle ore 20.30 presso la Tecnotenda dell’Istituto “Conti” di Lendinara, messa gentilmente a disposizione dall’Amministrazione Comunale di Lendinara. Grande la partecipazione del pubblico: 210 persone.

PARTECIPAZIONE AL CONCORSO BIC “La storia della scrittura” marzo-aprile-maggio 2012

conc-scrittura-IE-1 conc-scrittura-IE-2-1 conc-scrittura-IE-1-1

La classe IE ha partecipato quest’anno al concorso BIC “La storia della scrittura”. Gli alunni hanno scritto una lettera ai compagni del 2070 descrivendo la loro scuola, le materie di studio, gli strumenti di uso quotidiano. Il lavoro, immaginando un futuro multiculturale, è stato  tradotto in varie lingue: Spagnolo, Inglese, Francese, Arabo, e in due dialetti: polesano e romanesco. Oltre alla lettera scritta ed illustrata, è stato prodotto anche un dvd contenente un video e alcune foto esplicative del lavoro svolto.

VIAGGIO DI ISTRUZIONE A SAN LEO E GRADARA 25-5-2012

Le classi IB, ID, IE hanno effettuato il 25 -5-2012 un viaggio di istruzione presso le fortificazioni medioevali di San Leo e di Gradara. La visita guidata ha messo in luce tutto il fascino di queste costruzioni - veri scrigni  colmi di gioielli artistici, storie e misteri - che coronano il paesaggio collinare romagnolo.

PARTECIPAZIONE ALL’INIZIATIVA “LA VOCE DELLA SCUOLA”

La classe II D ha partecipato all’iniziativa del quotidiano “La voce di Rovigo” pubblicando alcuni articoli giornalistici in una pagina autogestita. Ciò ha permesso anche di incontrare il Direttore della testata, che ha tenuto una lezione raccontando ai ragazzi la storia  del giornale e spiegando come si svolge il lavoro in una redazione.

GIORNATA ECOLOGICA A TRECENTA 11-5-2012

La classe II D ha partecipato l’11 maggio 2012 alla “Passeggiata ecologica” organizzata dall’Istituto “Bellini” di Trecenta. L’iniziativa era finalizzata a sensibilizzare gli alunni al rispetto dell’ambiente e all’orientamento scolastico. I docenti e alcuni studenti della scuola superiore hanno guidato la classe in una visita ai gorghi di Trecenta, facendo conoscere loro direttamente la flora e la fauna tipiche del luogo. La mattinata si è conclusa con l’accoglienza presso l’azienda agricola dell’Istituto “Bellini”, allietata da giochi e da un rinfresco.

ESAME PATENTINO LENDINARA E LUSIA

imagesCA8Y91J6Si è concluso a giugno 2012 presso l'I.C. di Lendinara la prova pratica e quella teorica per conseguire il C.I.G. (certificato d'idoneità per la guida del ciclomotore). Al corso, iniziato a febbraio, si sono iscritti oltre 65 alunni delle classi 2^ e 3^ che compiono i 14 anni entro il 31-8-2012. Il corso tenuto dai prof.ri  Giancarlo Piccolo e Zerbinati Marta è terminato con un' elevatissimo numero di promossi.

Concorso "Vado Sicuro"

Con un lavoro raffinato e accurato le classi 2B, 2C e 2D della Scuola secondaria "A. Mario" di Lendinara, guidate dalla prof.ssa Martina Signoretto, giovedì 17 maggio hanno ricevuto il primo premio. Congratulazioni.

Vado_sicuro

Per maggiori informazioni www.vadosicuro.it

Sport per tutti, 1° meeting intercomunale di S. Urbano

I ragazzi della 2 C dell'Istituto Comprensivo "Alberto Mario " di Lendinara il 27 aprile 2012 hanno partecipato con entusiasmo alla manifestazione : Lo sport per tutti, primo meeting intercomunale svolto in S. Urbano (Padova ).

27042012331-1

Concorso "Vado Sicuro" all'autodromo di Adria

images7 imagesCANTYGGD

Si è svolto martedì 17 aprile l'incontro " A scuola di sicurezza " all'autodromo di Adria per dire ai 300 studenti presenti che si corre solo in

pista. Le classi 2° B-C-D, accompagnate dalla prof.ssa Signoretto Martina, hanno partecipato raggiungendo con i lavori svolti ottimi

traguardi visto che saranno premiati il 17 maggio presso la Fattoria.

Corso di 1° Soccorso  aprile 2012

Gli alunni delle classi Seconde nell’aprile 2012 hanno seguito lezioni teorico-pratiche di Primo Soccorso organizzate dal Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica (S.U.E.M. 118) dell’Azienda USL 18. Le lezioni, tenute da personale specializzato, sono state mirate a far conoscere il metodo operativo del SUEM e a far apprendere tecniche basilari per agire in caso di immediato bisogno.

IIE_1sossorso2 IIE_1sossorso1 IIE_1sossorso3

Carabinieri_legalitIl bullismo        aprile 2012

incontro in aula Magna col Comandante dei Carabinieri di Rovigo Giorgio Israeli.

Nel mese di aprile sono stati svolti due incontri, il primo con tutte le classi terze e il secondo con tutte le seconde, dove si è approfondito questo importante argomento. Ottima la partecipazione dei ragazzi dove al termine dell'incontro hanno fatto numerosissime domande.

Dal volto della Sindone alle emozioni del cuore

Nei giorni 16 e 17 novembre fratel Claudio Mazzoni è stato tra noi a parlare con le classi seconde e terze sull'Uomo della Sindone. Dopo una spiegazione di carattere scientifico, fratel Claudio ha guidato i ragazzi a contemplare l'immagine davanti della Sindone a grandezza naturale, lasciando spazio ai sentimenti che nascevano nel proprio cuore. Ma chi è fratel Claudio?

Prima del 17 settembre 1978, la vita di Claudio Mazzoni, allora studente ventitreenne di filosofia, era, come lui stesso ama raccontare, "un distillato di perfetta imbecillità". Ma quel giorno, una domenica di sole di fine estate, gli accadde qualcosa che cambiò totalmente la sua vita. Quel giorno, con tanti altri pellegrini, entrò nel Duomo di Torino per vedere la Sacra Sindone, e quel Volto entrò nella sua vita con una potenza tale da trasformargliela. "Avvicinandomi a quell'umile Lenzuolo - racconta oggi fratel Claudio, il ragazzo di allora - sono stato invaso da una coscienza purissima, dalla Divina Presenza, alla quale tutta la mia anima, mente e corpo si abbandonavano nella spontaneità più semplice e incredibile. Ad un tratto, al centro dell'incandescenza totale in cui ero assorbito, vidi un lampo in sembianza umana. Il suo Volto era splendente come il sole quando arde in tutta la sua forza. L'espressione fiammeggiante era infinita e al contempo definita e l'anima, vivificata in quello Spirito, sembrava sussurrare umilmente: "Sono io... Sono io". Otto secondi di eternità". La descrizione che fa fratel Claudio di ciò che provò non è certo facile da capire. Gli accadde qualcosa che segnò per sempre la sua vita, tanto da cominciare un cammino spirituale che lo ha portato a diventare fratel Claudio. Ma la sua storia non finisce qui. Nell'abbazia di Monteveglio, dove si era ritirato, le classi quarte elementari e le seconde medie , venivano per studiare da vicino il monachesimo. Dopo aver spiegato la vita monastica, mostrava una copia della Sindone a grandezza naturale. La commozione che vedeva negli occhi di quei bambini, gli fa capire che il Signore lo chiamava a mostrare nelle scuole il Suo Volto. Sono ormai vent'anni che fratel Claudio illustra ai bambini e ai ragazzi delle scuole elementari e medie la Sacra Sindone. Oggi è uno tra i massini esperti mondiali della Sindone. "Resto ogni giorno stupefatto - testimonia fratel Claudio - dalla bellezza dei messaggi scritti dai ragazzi e ispirati dallo Spirito Santo".
Anche il nostro Istituto ha avuto questo momento di arricchimento intenso, con la partecipazione commossa di alunni e docenti... Chissà ... "Ai nostri occhi concediamo tutto meno che la visione dell'uomo Santo della Sindone, Gesù Cristo".

Teatro Inglese 2012

Finalmente anche quest’anno siamo giunti al nostro  puntuale appuntamento con il teatro in lingua inglese! Nel 2009 gli attori del PLAYGROUP ci hanno trasportato sull’”Isola del tesoro”, nel 2010 ci hanno fatto tremare con “Dracula” e l’anno scorso ci siamo ritrovati nel “Castello di Canterville” in compagnia di fantasmi burloni. Il 18 maggio 2012 invece Eddie, Jonathan e Francesco ci hanno divertito con il loro “Perfect crime”,  tratto dai romanzi di  Conan Doyle.

Gli alunni di tutte le classi si sono cimentati con una vera e propria detective story e hanno smascherato il colpevole!!   Ogni tanto gli spari facevano sobbalzare sulle sedie qualcuno ma si sono divertiti proprio tutti, alunni e prof.

Cosa ci aspetterà l’anno prossimo? Siamo curiosi!!!!!

DSCN5324-1  DSCN5326-1  DSCN5328-1

DSCN5331-1  DSCN5333-1  DSCN5335-1

Teatro Francese 2012

Il giorno 10 maggio 2012 le classi terze hanno partecipato ad una rappresentazione teatrale in lingua francese intitolata”Asterix et les Gaulois” offerta dalla compagnia teatrale “Smile”. Questa rappresentazione ha coinvolto i ragazzi e li ha divertiti moltissimo. Al termine i tre attori di madrelingua francese hanno giocato con i ragazzi e parlato, risposto alle loro domande e aiutati a migliorare il loro apprendimento scolastico della lingua francese. È stata un’occasione unica e irripetibile che consiglierei a chiunque volesse parlare francese con un francese.

Rossetto Kety e Hu Wen Jan

  DSCN5307-1  DSCN5314-1  DSCN5315-1DSCN5316-1

 

Sudafrica-Apartheid-Mandela-Rugby-“Invictus”

DSCF2039-1Il 10 marzo 2012 dalle ore 10.20 alle 12.10, in aula magna della nostra scuola, si è tenuto un incontro, per le classi terze, con un giocatore di rugby sudafricano, CHARL KITCHING. Le classi terze avevano  iniziato, nei mesi precedenti, un percorso, in lingua inglese,  partendo dall’acquisizione di nozioni sul Sudafrica, sull’Apartheid, su Nelson Mandela e sul rugby, giungendo alla visione del film “Invictus”, in lingua originale, supportata da una serie di schede di comprensione e approfondimento dei contenuti e degli  aspetti linguistici. L’incontro ha rappresentato la conclusione di tale lavoro,  per alcune classi, mentre per le altre, il punto di partenza. Tutti gli insegnanti intervenuti e gli alunni ringraziano i relatori intervenuti:

-Charl Kitching: giocatore sudafricano che da qualche mese è in forza alla società Zhermack Badia.

-Nicolò Sacco: giocatore lendinarese e allenatore di una squadra del settore giovanile della società regby Badia.

-Saverio Girotto: speaker ufficiale della Nazionale Italiana di regby.

-Massimiliano Dolcetto: direttore generale della Zhermack Badia.DSCF2038-1

-Paolo Aguzzoni: giornalista ed ex insegnante della nostra scuola che ha organizzato l’incontro su richiesta dell’insegnante Barbara Gherardini , coadiuvata  dalle colleghe Valentina Zordan e Paola Raspa, per offrire a tutti gli alunni di approfondire le conoscenze sul sudafrica  parlando in inglese. I ragazzi, molto entusiasti  dell’esperienza, hanno posto a CHARL  molte domande in lingua inglese.

Si ringrazia la società per aver omaggiato ogni classe con un pallone da rugby.

Gli alunni delle classi terze alla prova con la conversazione nelle lingue straniere

un-gruppo-di-alunni-alle-prNel mese di gennaio 2012 alcuni alunni particolarmente motivati all’apprendimento dell’inglese e del francese e coloro che intendono iscriversi al Liceo Linguistico hanno frequentato un breve corso di conversazione tenuto da due insegnanti madrelingua inglese e francese.

Le docenti hanno stimolato i ragazzi all’utilizzo della lingua concreta in situazioni comunicative reali. Grande è stata la soddisfazione degli alunni che hanno potuto mettere alla prova le loro competenze e delle docenti curricolari che hanno ricevuto i complimenti dalle colleghe per la preparazione dei ragazzi.  Le ore del corso sono state assicurate grazie alla disponibilità del Liceo Linguistico Balzan di Badia Polesine e alla gentilezza e cortesia di Miss Della e Madame Annelise.

Laboratorio di Teatro

Da tre anni la nostra scuola ospita nei suoi locali compagnie teatrali madrelingua inglesi (The Playgroup) e francesi (Smile) che propongono spettacoli in lingua straniera. Si tratta di attori briosi ed esperti che da tempo lavorano con le scuole e riescono sempre a coinvolgere in modo attivo i ragazzi. L'iniziativa, dapprima rivolta solo alle terze, ha avuto tanto successo che è stata allargata quest'anno a tutte le classi. Gli alunni vengono preparati allo spettacolo per tempo dagli insegnanti, con attività varie che vanno dalla lettura di un testo semplificato, alla drammatizzazione di alcune scene, alla preparazione di maschere, cartelloni e materiale di scena vario. Tutti arrivano dunque preparati e in grado di comprendere bene il testo e di partecipare attivamente all'evento. Gli spettacoli del 2009 sono stati (Dracula) e (Les Galeries Lafayette) mentre quelli del 2010 sono stati in data 25-3 ( The Treasure Island) e (Le Moulin Rouge) in data 22 Marzo.
 
 

Anno scolastico 2010-2011

Progetto ambiente "ENERGIA in VERDE" classe 3^A professori che hanno collaborato: Destro Enrica, Zordan Valentina,Bellettato Paola e Marangoni Loretta.

Visualizza il progetto in PPT

Proteggi l'ambiente e la natura per una vita più sicura classe 2^C

PRESENTAZIONE

Il presente manualetto è il risultato del lavoro interdisciplinare svolto dai ragazzi della classe 2C della Scuola secondaria di primo grado di Lendinara, coordinati dai loro insegnanti, sulle tematiche ambientali legate alla raccolta differenziata e alla riduzione dei rifiuti.Il lavoro si è svolto in diverse fasi:

  • raccolta e studio dei materiali;
  • incontro con esperti ed esperienze dirette;
  • elaborazione di testi, schede esemplificative, elaborati grafici nelle diverse discipline;
  • progettazione grafica ed elaborazione finale di un  manualetto come raccolta dei materiali prodotti.

Obbiettivo del nostro lavoro è quello di promuovere stili di vita e consumo sostenibili e di sviluppare uno spirito critico nei confronti delle problematiche inerenti alla raccolta, allo smaltimento e al recupero dei rifiuti solidi urbani.

Gli alunni della classe 2C Maggio 2011

Visualizza il manualetto in PPT

 

 

Un calendario ecologico - multireligioso

Gli alunni della classe 3 B, come lavoro finale del progetto di ed. ambientale, hanno prodotto un curioso calendario, tra curiosità per la cura dell'ambiente e le feste religiose.

Immagine1 Immagine2 Immagine3 Immagine4
 
Immagine5 Immagine6 Immagine7 Immagine8

Rappresentazione Teatrale 3 giugno 2011       Visualizza l'articolo sul Gazzettino di Rovigo

Locandina-teatro-W

RIFIUTI: Una risorsa per il futuro

Visualizza l'unità ambientale e

i cartelloni dei ragazzi della classe 2^E

 

Lavoro di storia e religione sulle "Streghe"

La presentazione in power point si poneva come finalità di potenziare, negli alunni, la capacità critica e l'approccio a questo argomento in un'ottica interdisciplinare. Gli alunni hanno dimostrato vivo interesse e hanno partecipato attivamente approfondendo singoli aspetti del percorso proposto mediante lavori individuali e di gruppo.

Pensiero degli alunni: il lavoro di gruppo di religione e storia sull’argomento delle streghe è piaciuto molto ai ragazzi della 2^B concretizzandolo in vari cartelloni che descrivevano come venivano chiamate le torture che dovevano subire, con particolari divertenti.

07042011258-w 07042011260-w 07042011265-w 07042011270-w

Idea luminosa a Lendinara

I ragazzi fanno l’auto solare

Andrea Biscuola, Michele Callegari, Antonio Maggio, Andrea Osti, Alessandro Rossi hanno preparato una "Morgan"....       leggi l'articolo di Clara Grossi sul " il Resto del Carlino"la relazione tecnica degli alunni. Visualizza il filmato sulla photogallery.

IMG_5550-w IMG_5535-w IMG_5540-w IMG_5553-w

Inglese: lavoro sull'Energia classe 2^E

WASTE AND RECLYCING

Noi ragazzi della classe 2E abbiamo letto in inglese alcune pagine sul riciclaggio dell'immondizia.Siamo ben consapevoli di quanto sia importante differenziare gli oggetti buttati affinché molti di essi siano riciclati e poco venga sprecato.I perfetti riciclatori nostri maestri sono certi animaletti come i microbi, i lombrichi e i millepiedi, e certi elementi naturali come l'acqua: essi ci insegnano a dividere gli oggetti, a scomporli per renderli riutilizzabili, e a reinserirli nel ciclo naturale della vita che non spreca niente ma anzi tutto riutilizza trasformando ciò che muore in elementi utili per un nuovo ciclo vitale. Visualizza i lavori.

Inglese: lavoro sull'Energia classe 3^E

Nell'ambito del progetto interdisciplinare relativo alle fonti di energia e al loro uso corretto e responsabile, noi ragazzi della classe 3E abbiamo partecipato all'iniziativa 'M'illumino di meno' leggendo, anche in inglese, le sue finalità di risparmio energetico organizzate per il giorno 18 febbraio 2011, denominato Energy Saving Day. E' una campagna che …leggi l'articolo

Visita giudata a Cà Vendramin

Lunedì 14 Marzo 2011 le classi 2^D e 2^E si sono recate in visita al Museo della Bonifica di Cà Vendramin dove è stato possibile vedere,  osservare ed apprezzare, istruiti dalla guida, la prima idrovora del Polesine.

100_2600-w 100_2603-w 100_2616-w 100_2628-w

M'illumino di meno

DSCN4552-w DSCN4550-w DSCN4555-w IMG_4409-w

millumino-2010-locandina-smL’Istituto Comprensivo di Lendinara aderisce alla campagna sul risparmio energetico M’illumino di meno, bandita dal programma radiofonico  Caterpillar di  Radio Due. La Giornata del Risparmio Energetico 2011, special edition per i 150 anni dall’unità d’Italia, è fissata per il 18 febbraio 2011. Dal 2005 Caterpillar invita ogni anno comuni, associazioni, scuole, aziende e case di tutt’Italia ad aderire all’iniziativa creando il “silenzio energetico”  e facendo spazio, dove possibile, ad un’accensione virtuosa, a base di fonti rinnovabili. Continua........ Visualizza il video sulla fotogallery caterpillar.blog.rai.it/milluminodimeno/

 

DSCN4563-w DSCN4569-w DSCN4570-w DSCN4575-w

Estrazione del DNA della banana

Sabato 29 Gennaio 2011 i ragazzi della 3^A hanno fatto un laboratorio sull'estrazione del DNA da una banana e un modello in cartoncino del DNA stesso. Ecco le foto del loro lavoro.

Esempio di metodologia semplice per l'estrazione del DNA

DSCN4926-wDSCN4927-wDSCN4925-wDSCN4923-wDSCN4928-w

Carabinieri_legalitLa legalità

incontro in aula Magna col Comandante dei Carabinieri di Rovigo

di Carriero Francesca classe 3^E
Il giorno 3 Dicembre 2010, nelle prime tre ore di lezione, ci siamo recati presso l’Aula Magna della nostra scuola, per assistere ad un incontro sul tema della legalità con il comandante dei carabinieri  di Rovigo Giorgio Israeli.......... continua

Telethon: in ricordo di Francesca e Sara

Ricerche e lezioni sulla genetica contro le malattie che hanno strappato le due giovanissime

Articolo di Ilaria Bellucco sul Gazzettino di Rovigo

Visualizza le foto

I ragazzi della media “Alberto Mario” tutti in prima linea per sostenere Telethon, dedicando l’iniziativa alla memoria di Sara e Francesca. Con questo spirito i ragazzi della scuola media hanno partecipato a “Telethon ......... continua

Teatro Francese 2011

Sabrina et la vie en rose 

Lunedì 14 febbraio 2011 tutte le classi 3^ hanno assistito alla rappresentazione teatrale in francese "Sabrina et la vie en rose". Gli alunni si sono trovati in Aula Magna alle ore 9.00 e subito dopo è iniziato lo spettacolo che è durato circa due ore. Gli attori francesi non conoscevano l'italiano, tutti molto giovani tra i 25 ed i 30 anni. La storia: Sabrina è una ragazza americana che va a Parigi per due anni per seguire un corso di cucina e, soprattutto, dimenticare David (un ragazzo americano che non la considera). Di fronte alla Basilica del Sacro Cuore trova un piccolo appartamento, lì incontra una ragazza elegante, Veronique, che sarà la sua compagna al corso di cucina. Più avanti fa un reportage sulla moda americana a Parigi e l'amico del fotografo si innamora di lei. Ma lei pensa ancora a Devid. Dopo due anni per Sabrina è giunto il momento di ritornare a casa, nel frattempo, diventata molto più elegante e gentile grazie a Veronique. Dopo l'applauso finale gli attori hanno fatto dei giochi in francese, a noi studenti, divertendici molto. Secondo noi gli attori sono stati molto bravi e si sono immedesimati molto bene nel personaggio loro assegnato. Tutti abbiamo capito bene la storia grazie all'ottima interpretazione e al libretto consegnatoci un mese prima, letto e discusso con i professori.          Ambrosini Chiara, Bazzan Lisa, Crema Miriam  -3^B 

DSCN4949-w  DSCN4940-w  DSCN4944-w  DSCN4946-w

Teatro Inglese 2011

The ghosts of Canterville

Se l’anno scorso l’Istituto Comprensivo di Lendinara ha ospitato pirati e bucanieri, quest’anno ha voluto nientemeno che veri e propri fantasmi! Direttamente dal maniero di Canterville, Sir Simon ha commosso i nostri ragazzi, ma soprattutto li ha fatti sbellicare dalle risate… Il 15 e il 19 Marzo il gruppo teatrale inglese “The Playgroup” ha coinvolto gli alunni delle classi prime, seconde e terze nell’esilarante “The ghosts of Canterville”, liberamente tratto dall’opera di Oscar Wilde.

Il testo è stato interamente recitato in inglese eppure i nostri ragazzi hanno davvero capito… quasi tutto!  Impossibile? No davvero! Perché tutti hanno lavorato sodo: gli attori, i professori e soprattutto i ragazzi.   Visualizza i commenti dei Ragazzi. 

DSCN4952-w DSCN4964-w DSCN4958-w DSCN4962-w

Attività di laboratorio attuate dalla prof.ssa Lazzarin Lorena

Determinazione del Π (Pi Greco)

Esempio di metodologia semplice per l'estrazione del DNA

Riconoscimento dell'amido e azione della saliva

Cromatografia su carta
Italian - Italy

Questo sito utilizza i Cookie per gestire autenticazione, la navigazione e altre funzionalità. Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.       Privacy policy